I colori della psicologia - perchè questo nome

scritto da: Dott.ssa Cacace | data: 02/09/2012 15:00:00 | 0 commenti

Beh, semplicemente è la prima immagine che mi viene in mente pensando al mondo dei bambini. Sin dai primi mesi di vita i colori per i bambini sono ciò che più caratterizzano un oggetto, sono il mezzo per far conoscere ciò che li circonda nel modo migliore; questi sono solitamente sgargianti, vivaci, allegri, proprio per poter trasmettere la serenità e la felicità del quale hanno bisogno.

Quando crescono i bambini iniziano a comunicare con noi proprio attraverso i colori. Essi si esprimono con il primo strumento che insegniamo loro ad utilizzare: i pennarelli. I colori più usati sono quelli primari, poi crescendo e mossi da curiosità e creatività, iniziano anche a dare più importanza alle sfumature: iniziano ad esempio a notare che il cielo non è esattamente dello stesso blu che sono soliti usare e scoprono così l’azzurro, cominciano quindi ha distinguere nella realtà le diverse tonalità dei colori.

Partiamo dalla definizione della teoria dei colori: “una tonalità è un colore puro, ovvero caratterizzato da una singola lunghezza d'onda all'interno dello spettro visibile della luce”. In pittura esiste un concetto corrispondente di colore "puro", ovvero senza aggiunta di pigmenti bianchi o neri.

Scritto così appare molto tecnico e nemmeno molto chiaro ma proviamo a “tradurlo”: la teoria dei colori sostiene che una tonalità è un colore puro, privo in un certo senso, di interventi dei due colori neutri, il bianco e il nero. Potremmo chiamarlo un colore standard, nato così, che niente e nessuno ha modificato.

Ecco, per me il mondo infantile è come uno spettro ottico, anzi, mi piace di più definirlo come un arcobaleno, formato da colori puri, quindi bambini che “rispettano gli standard” che il mondo sociale si aspetta, e da sfumature, che non sono affatto meno belle, ma che essendo meno conosciute a volte vengono usate meno spesso di quelli puri. La sorpresa per chi inizia a conoscerli è proprio che forse in certi contesti sarebbe meglio usare il rosso magenta piuttosto che il rosso puro, con questo non voglio dire che le sfumature siano meglio dei colori puri ma nemmeno il contrario.

Come nella tavolozza del pittore, tutti i colori hanno la stessa importanza e gli stessi diritti su di un foglio di carta bianco.

Il tuo commento è stato inserito correttamente.
Grazie per aver condiviso la tua esperienza.
Non è stato possibile inserire correttamente il tuo commento.
Il messaggio che hai inserito non è stato eliminato dalla pagina quindi puoi riprovare a postarlo senza doverlo riscrivere (troverai i campi già compilati con i valori da te inseriti).

Se anche con un nuovo tentativo non riesci a postare il commento ti consigliamo di copiarlo e provare in un secondo momento.
Ci scusiamo per il disagio.

A seguito di ogni errore riceviamo automaticamente una segnalazione.
Cercheremo di risolvere il problema il prima possibile.

Staff tecnico
La tua email è stata inviata correttamente.
Grazie per averci contattato.
Non è stato possibile inviare correttamente la tua email.
Il messaggio che hai inserito non è stato eliminato dalla pagina: riaprendo il form di invio email troverai le tue informazioni salvate, puoi tentare un ulteriore invio.

Se anche con un nuovo tentativo non riesci a inviare la mail ti consigliamo di copiare il testo e inviarla dalla tua casella di posta verso d.cacace@icoloridellapsicologia.it

Ci scusiamo per il disagio.

Staff tecnico

Nessun commento all'articolo




Al momento non è possibile inserire tag html nel form
Contribuisci a far crescere il blog, condividi un'esperienza, può essere interessante per tutti!
Al momento non è possibile inserire tag html nel form
Spedisci una copia della mail al mio indirizzo